La pittura tradizionale cinese

(Clearwisdom.net) La pittura tradizionale cinese, nota anche come “pittura cinese”, riflette la coscienza nazionale della Cina, il suo carattere estetico e la sua predisposizione. Essa dimostra la comprensione degli antichi popoli cinesi per ciò che riguarda la natura, la società ed altri aspetti sociali associati come la politica, la filosofia, la religione, la morale e l'arte. La pittura tradizionale cinese enfatizza “l'apprendimento esteriore della natura, ottenendo un guadagno interiore nel proprio cuore”, armonizzare l'esterno/natura e l'interno/cuore per creare la concezione artistica. Essa richiede che “la composizione sia già concepita prima che si cominci a dipingere ed il lavoro finito deve rappresentare la precisa aspirazione dell'artista”. Il suo obiettivo è quello di rappresentare il carattere spirituale attraverso la forma fisica, siccome possiede sia la forma che lo spirito così come una risonanza spirituale vivida.

La pittura cinese possiede una lunga storia; fin dal periodo degli Stati Combattenti di oltre 2000 anni fa, le persone dipingevano su seta. Prima di allora, vi erano forme primitive di pittura su roccia e ceramica. Questi primi dipinti crearono le fondamenta per lo sviluppo della pittura cinese, che usò la linea come mezzo principale di composizione. Con le dinastie Han e Wei, la stabilità sociale e l'unità presero una svolta drammatica verso la divisione; l'impatto della collisione tra la cultura extraterritoriale e la cultura locale, e la loro combinazione finale, diede luogo a dipinti religiosi, che costituiscono il principale tipo di pittura del tempo. Ci sono stati anche dipinti di figure storiche che si ispiravano ad opere letterarie. Durante questo periodo storico presero forma anche dipinti di paesaggi, fiori, uccelli.

Sui e Tang vissero un periodo di grande ricchezza socio-economica e sviluppo culturale. Nello stesso tempo, la pittura ebbe anch'essa un prosperoso sviluppo. La rappresentazione di paesaggi, fiori e uccelli raggiunse la maturità. Anche la pittura religiosa raggiunse il suo apice in questo periodo. Apparve anche una tendenza secolare, dipinti che raffiguravano la vita degli aristocratici e dipinti che rappresentavano le caratteristiche delle persone del periodo. L'apparizione della pittura della classe colta e il suo successivo ed ulteriore sviluppo arricchì notevolmente a il concetto creativo della pittura cinese e dei metodi di rappresentazione.

Le tre categorie della pittura cinese

La pittura cinese è composta da tre categorie, vale a dire, la pittura figurativa, la pittura paesaggistica, la pittura fiori-uccelli. Apparentemente sembrerebbero classificate per argomento, mentre in realtà presentano una forma di concettualizzazione e di pensiero attraverso l'arte. Le cosiddette “tre categorie di pittura” comprendono tre aspetti dell'universo e della vita umana: la pittura figurativa mostra la società umana e le relazioni interpersonali; la pittura paesaggistica esprime il rapporto tra uomo e natura, combinando questi due in uno solo; la pittura fiori-uccelli rappresenta le varietà della vita naturale e della loro esistenza armoniosa con l'uomo. La combinazione delle tre rappresenta tutta la moltitudine delle cose dell'universo, ciascuna esterna il meglio si sé completandosi a vicenda.

Gu Kaizhi del periodo Jin Orientale era specializzato nella pittura figurativa. Fu il primo a proporre l'idea di “esprimere lo spirito attraverso la forma”. Nella sua pittura figurativa, si impegnò nella rappresentazione vivida del carattere individuale e nella risonanza vivace, dando ampia considerazione sia alla forma che allo spirito. Attraverso questo metodo, il carattere individuale nella sua pittura figurativa fu espresso in modo vivido attraverso la raffigurazione dell'ambientale, dell'atmosfera, della postura e del movimento.

La pittura paesaggistica è una particolare branca di studio dell'arte; descrive soprattutto lo scenario naturale. Si sviluppò ai tempi dei Wei e Jin, durante i periodi del Sud- Nord. La pittura fiori-uccelli divenne una categoria indipendente della pittura durante la dinastia Tang.

La filosofia “ Cielo e uomo sono una cosa sola”

La pittura cinese attribuisce grande importanza al concepimento, ed è molto dettagliata nel formare il concetto prima di dipingere. Essa enfatizza l'unità soggettiva e oggettiva dell'immagine artistica e non persegue precise somiglianze nella forma; aspira invece al “geniale effetto che c'è tra la somiglianza e la non-somiglianza” e la “somiglianza nella non-somiglianza”. La pittura cinese si avvale di un solo pennello e di tecniche di inchiostro per descrivere l'oggetto ed esprimere l’atmosfera, e per mezzo del punto, della linea e della superficie rappresenta l’aspetto, la struttura, la luce ed il condotta dell'oggetto nella pittura. Il pennello e l'inchiostro non servono solo come tecniche per dipingere oggetti e trasmettere sentimenti, ma anche come vettori dell’oggetto della pittura. Al tempo stesso, sono una forma di connotazione, mostrando il fascino del buon gusto della calligrafia cinese e possedendo un particolare valore estetico. La pittura cinese sottolinea il fatto che la pittura e la calligrafia sono omologhi. Inoltre, essa presta attenzione al carattere e alla realizzazione dell'artista. In un certo lavoro, particolare attenzione viene data alla combinazione armoniosa tre poesia, calligrafia, pittura e sigillo. Attraverso la scrittura del poema, della prefazione e del poscritto di un dipinto, l'artista esprime la sua comprensione della società, della vita e dell’arte. Queste non solo arricchiscono il tema della pittura, ma entrano a far parte della composizione.

La pittura cinese riflette i concetti filosofici ed estetici dei cinesi per quanto riguarda la loro osservazione, la creazione dell’immagine e l’espressione. Nella sua osservazione della realtà, essa adotta il metodo di vedere ciò che è piccolo da ciò che è grande, e da ciò che è piccolo per esaminare ciò che è grande. Essa percepisce la realtà nella vita reale o entra direttamente a farne parte, invece di osservarla come un estraneo o limitandosi ad un particolare punto di vista. Anche quando si tratta di pura pittura di cose della natura, come paesaggi, fiori, e uccelli, l'artista è pure in grado di crearne un legame con la coscienza sociale delle persone e con gli interessi estetici, utilizzando scene per esprimere i sentimenti o esprimere le proprie aspirazioni attraverso la raffigurazione di un particolare oggetto.

La pittura tradizionale cinese non è solo secolare, ma funge anche da specchio per riflettere le arti tradizionali cinesi, a dimostrazione del concetto tradizionale cinese per cui “Cielo e uomo sono una cosa sola”.

Versione inglese: http://www.clearwisdom.net/html/articles/2010/4/8/115969.html
Versione cinese: http://www.minghui.org/mh/articles/2010/3/28/220575.html

Potete stampare e diffondere gli articoli ed i contenuti pubblicati su Clearharmony, ma per favore citate la fonte.