Francia: L’Arte di Zhen-Shan-Ren a Périgueux - "Un grande incoraggiamento a non disperare mai" 

La mostra l'Arte di "Zhen-Shan-Ren" ("Verità, Compassione e Tolleranza") ha già fatto il giro del mondo facendo tappa in più di 50 paesi. In Francia, la mostra si sposta di città in città, dopo Caen nello scorso aprile, è stata presentata a Perigueux, nel Teatro Odissea dal 21 al 25 maggio 2013.

I visitatori scoprono le impressionanti tecniche artistiche dei dipinti. (Wangxici / NTD)

... oltre alle scene che testimoniano i fatti reali. (Wangxici / NTD)
 

La mostra l'Arte di "Zhen-Shan-Ren" è una collezione di opere di un gruppo di artisti in maggioranza cinesi che esprimono la loro sensibilità nella ricerca di un'arte aperta al divino. Questa mostra racconta la storia della disciplina spirituale del Falun Gong: dalla bellezza di questa antica pratica ancestrale alla sua repressione da parte del regime comunista cinese a partire dal 1999. Una parte della mostra evoca le terrificanti situazioni che i praticanti del Falun Gong in Cina - tra cui gli stessi artisti - hanno attraversato.

Dany Lacoud, acquerellista, "Sono l'emozione da un così bel lavoro di pitture che ci porta una tale sofferenza" (Wangxici / NTD).
 

Dany Lacoud, acquerellista, ha visitato la mostra ed ha sentito una forte emozione di fronte alla qualità del lavoro degli artisti, ma anche un dolore profondo scoprendo la storia della persecuzione. Ha detto, "Sono emozionata da un così bel lavoro di pitture che ci porta una tale sofferenza! È umanamente insopportabile!". "In realtà tutto è nascosto perché non si sa nulla di questo argomento. Si sa del lato economico della Cina, ma non del resto. Questo è davvero doloroso. Lascio la mostra addolorata, con lo stomaco accartocciato da tanta violenza. È davvero impensabile che una cosa del genere esista ancora, questa società è davvero in declino", ha detto Dany Lacoud. Ha suggerito, "Al nostro livello, bisogna che ognuno faccia un piccolo lavoro su sé stesso. Tutti devono lavorare per fermare quanto stà accadendo".

Jean-Jacques Dallemand, autrice - scrittrice: "È di portata universale" (Wangxici / NTD).
 

Jean-Jacques Dallemand, autore scrittore, è stato attratto dalla pittura Tragedia in Cina, così come da e "la dimensione universale". "Sembra un po' un figlio della Madonna e di Cristo, mi fa pensare a tutti i grandi maestri che hanno lavorato su questo soggetto, quindi è sia un soggetto antico, un soggetto moderno e un soggetto universale", ha spiegato. "Questo è l'aspetto simbolico che ho sentito dal fondo della sala, questa è una cosa che ci sentiamo dentro ovviamente, è di portata universale" ha detto Jean-Jacques Dallemand.


Sylvie Pouxviel: "Sono completamente estasiata dalla bellezza delle opere ... e devastata nel capire attraverso questi quadri ciò che testimoniano" (Wangxici / NTD).

 
Sylvie Pouxviel, insegnante e attivista di Amnesty International, ha scoperto la mostra e ha espresso la sua emozione. "Sono completamente estasiata dalla bellezza delle opere, ma allo stesso tempo sono completamente devastata nel capire attraverso questi quadri ciò che testimoniano". Riguardo i tavoli di tortura e di punizione, ha risposto: "completamente addolorata e inorridita" che le cose possono ancora accadere: "È pura barbaria". "È assolutamente terribile uccidere le persone perché hanno un modo di pensare che non è conforme a quella del loro governo e in particolare quello della Cina. Questa è assolutamente una violazione dei diritti umani e qualche cosa aberrante, vergognoso e criminale ", ha detto.

"Ho visto questa mostra e ne sono testimone, per questo denuncio questi fatti, non dobbiamo chiudere gli occhi, ma bisogna assolutamente rendersi conto e non negare ciò che sta accadendo. Speriamo che questo piccolo messaggio possa contribuire ad alleviare la sofferenza di coloro che hanno resistito e che malgrado tutto sono sopravvissuti a così tanti orrori ". "Vorrei che ci fossero più persone a conoscenza e consapevoli così da poter fermare questa violenza e questa repressione che è inaccettabile e insostenibile" ha augurato Sylvie Pouxviel.

Agathe Bonnet, pittrice: "Questa persecuzione è terribile, è struggente, è disumana, è atroce!" (Wangxici / NTD)

Per Agathe Bonnet, pittrice e insegnante di disegno, la mostra è "straordinaria". "Per quanto riguarda la pittura, la tecnica, la potenza espressiva, è davvero un livello molto alto". Rispetto alle opere sulla persecuzione del Falun Gong in Cina: "È terribile, è struggente, è disumano, è atroce! Questo non dovrebbe più esistere al giorno d’oggi". "Si percepisce questa sofferenza, ma si percepisce allo stesso tempo la profondità della spiritualità che a dispetto di tutto passa attraverso i dipinti, quindi ho detto a tutti i miei studenti che vengano a vedere la mostra" ha detto Agathe Bonnet. "È un peccato che ci sia tanta sofferenza intorno a qualcosa che è magnifico e che è il patrimonio stesso dell’essere umano. Budda è l'eredità e le origini dell'essere umano."

Helen Gauvrit, acquerellista: "Questa è una mostra da vedere assolutamente, poiché porta un messaggio molto importante per ognuno di noi" (Wangxici / NTD).
 

Helen Gauvrit pittrice di acquerelli, è stata particolarmente attratta dal dipinto Puro Loto dove si vede una donna che pratica la meditazione seduta, circondata da fiori di loto. "Questa è una bellezza! C’è tutto: l'armonia, la forza, la spiritualità, la sensibilità, la fede, la leggerezza e i colori ... i colori sono magnifici. Il dipinto dice tutto di sé. Si ha voglia di assomigliare alla donna in meditazione. È molto bello ".

"C'è questa spiritualità, questa forza che dà coraggio a coloro che hanno questa fede a continuare, a non lasciarsi andare e rimanere in questa spiritualità", ha spiegato Helen Gauvrit. Per i dipinti sulla persecuzione dei praticanti in Cina, ha descritto: "È forte e dolorosa questa mostra, ma bisogna vedere questi quadri", e allo stesso tempo "aiutare queste persone che li opprimono, mostrare loro la luce e far loro vedere questo difetto che è in loro". "Sono molto commossa, tornerò a vedere questa mostra, perché c'è così tanto da vedere in un solo dipinto... ci si può impiegare un sacco di tempo", ha aggiunto Helene Gauvrit. "Questa è una mostra da vedere assolutamente, perché porta un messaggio molto importante per tutti", ha sintetizzato.


Jean-Michel: "Vorrei che questa mostra girasse come la terra senza fermarsi" (Wangxici / NTD).

 
Un altro visitatore della mostra, Jean-Michel, è stato intervistato sul dipinto Prelievo criminale di organi. Questo dipinto spiega bene la tortura, la sofferenza e il silenzio dei nostri politici nel contratto sottoscritto rispetto a questo dolore", ha detto. "Noi francesi dobbiamo unirci con il popolo europeo nel rifiutarci di comprare qualsiasi cosa tacendo sui diritti umani in nome del buon mercato. Sarebbe bene che i francesi siano a conoscenza di queste torture. Questa mostra dà la testimonianza alla gente e costringe i nostri politici a parlare dei diritti umani e di queste testimonianze quando cercano contratti in Cina".

"Vorrei che questa mostra girasse come la terra senza fermarsi e che ogni piccola città in Europa, in Francia possa ospitare questa mostra, in modo che le persone possono prendere coscienza 24 ore su 24 che la tortura è ancora presente in Cina sotto il governo comunismo", ha detto.

Eva Leat: "La mostra porta il messaggio di tolleranza, speranza e, soprattutto di coraggio" (Wangxici / NTD).

 
Due studentesse, Eva Leat e Oceane Lempernesse sono state molto tempo ad osservare i dipinti della mostra. Il quadro intitolato Il dolore di un’orfana dove una ragazza tiene tra le mani le ceneri dei suoi genitori, vittime della persecuzione in Cina, le ha particolarmente commosse. "Si tratta di una bambina ... si legge bene la tristezza nei suoi occhi, ci piacerebbe aiutarla. Pensare a lei e a questo stato d'animo è incoraggiante. Verità, compassione e tolleranza sono i principi dell'umanità" ha condiviso Eva Leat.

Per lei "la mostra porta un messaggio di tolleranza, di speranza e soprattutto coraggio". "Ho molta voglia di fare qualcosa per loro. Sono torture orribili e nei dipinti si vede che sono coraggiosi e credenti e questo è qualcosa di speciale. Stasera racconterò alla mia famiglia la storia della Falun Dafa", ha detto subito entusiasta e piena di speranza.


Ocean Lempernesse: "C'è una sorta di compassione in questi dipinti" (Wangxici / NTD).

Océane Lempernesse ha commentato: "Ho scoperto cosa sta accadendo in Cina; attraverso questi quadri abbiamo potuto sentire la tristezza, ma soprattutto la loro forza .. C'è una sorta di compassione che attraversa questi quadri, ci si rende conto di molte cose ... ".

Gli studenti che sono venuti a vedere la mostra si sono seduti nella posizione del 'Loto' e ripetono all'unisono "Falun Dafa è buona." (Wangxici / NTD)

 
Gli studenti che sono venuti a vedere la mostra si sono seduti nella posizione del 'Loto' imitando il dipinto In Armonia (al centro) ed hanno ripetuto all'unisono 'Falun Dafa Hao" (Falun Dafa è bene)

La mostra resterà nella memoria di molti visitatori che hanno scoperto sia la bellezza delle opere che la tragedia che i praticanti del Falun Gong stanno ancora vivendo in Cina. "Grazie per questa consapevolezza", ha detto uno dei messaggi lasciati nel libro dei visitatori. "Che emozione profonda", "La verità emerge da queste opere", ha scritto un altro presente. Altri hanno lasciato testimonianze di incoraggiamento: "Questa è una grande bellezza e un soffio di libertà. Bisogna continuare a farlo conoscere", "Un enorme incoraggiamento a non disperare mai".

La prossima mostra The Art of Zhen-Shan-Ren in Francia si svolgerà dal 11 al 15 luglio a Colmar e 17 luglio al 22 a Beaune.

Versione francese

Potete stampare e diffondere gli articoli ed i contenuti pubblicati su Clearharmony, ma per favore citate la fonte.