Miele in bocca e pugnale allo stomaco(口蜜腹劍)

Miele in bocca e pugnale allo stomaco. (Honey-ZonaYeh/Epoch Times)

L'idioma “miele in bocca e pugnale allo stomaco” può essere tradotto come “coprire un pugnale con unsorriso”. È spesso usato per descrivere chi ha una lingua di miele e un cuore di fiele.

L’espressione si basa su una storia del libro storiografico dell’antico cinese ZizhiTongjian di SimaGuang (1019-1086) della dinastia Song.

Linfu Li era un primo ministro dell’imperatore Xuanzong (685-762) della dinastia Tang. Anche se aveva una buona calligrafia e una discreta pittura, era conosciuto soprattutto per le sue dolci parole dal significato spregevole.

Al fine di adulare l'imperatore, corruppe le persone che gli erano vicine ordinando loro di scoprire cosa l'imperatore preferiva e cosa no. In tal modo poté così sistemare le cose per soddisfare le preferenze dell’imperatore, Li si guadagnò in tal modo la fiducia dell'imperatore.

Nei confronti degli altri ministri e alti funzionari, avrebbe trovato qualcosa da lodare e adulare loro personalmente, ma avrebbe sicuramente punito coloro che lo rendevano infelice. Era geloso e meschino.

Una volta fu offeso da un ministro che sottolineò un suo errore a corte. Fece finta di non essersela presa ma in seguito cercò di escogitare il modo di vendicarsi.

Un giorno Li disse al ministro che c'era dell'oro nascosto nel monte Hua e gli suggerì di chiedere all’imperatore il permesso per ottenere l'oro. Essendo di indole onesta e retta, quel ministro propose subito all'imperatore di estrarre l’oro depositato.

L'imperatore ne fu felice e discusse la questione con Li che con molta preoccupazione gli riferì di come il monte Hua fosse il posto dove erano state raccolte tutte le aurore di buon auspicio di sua maestà . Se la montagna fosse stata scavata, sarebbe stato certamente dannoso per la salute dell'imperatore. Chiese all’imperatore: «Chi è la persona che vuole farti del male maestà?».

L'imperatore si convinse che fosse una cattiva idea scavare nel monte Hua e retrocesse quel ministro in una zona remota.

Sentendo la verità, tutti i ministri presero consapevolezza di come Li avesse una doppia faccia e lo chiamarono "miele in bocca e pugnale allo stomaco". Oggi viene usato per descrivere qualcuno che appare sempre carino esternamente ma che è meschino con le persone dietro le loro spalle.

Alcune espressioni simili del linguaggio in inglese sono: "una volpe nella pelle di un agnello" e "tradire dicendo bugie sotto una maschera di cordialità".

Potete stampare e diffondere gli articoli ed i contenuti pubblicati su Clearharmony, ma per favore citate la fonte.