Guo Ziyi - Il grande generale che salvò da solo la dinastia Tang

Guo Ziyi, il grande generale che salvò da solo la dinastia Tang. (Jessica Chang/Epoch Times)

Guo Ziyi ( 697 – 781d.C.) fu un famoso generale della dinastia Tang. Grazie ai suoi significativi sforzi, la dinastia Tang venne salvata dall'occupazione dei ribelli in diverse occasioni critiche.

Una volta un esercito ribelle occupò una montagna e ne detenne il controllo, così l'esercito Tang si trovò in posizione di svantaggio. Guo Ziyi inviò quattromila soldati a cavallo verso la parte posteriore della montagna e ordinò all'esercito della parte anteriore di ritirarsi. Il nemico venne attirato ad abbandonare la sua posizione di vantaggio. Non appena il nemico lasciò la montagna, la cavalleria Tang la occupò e cambiarono le bandiere. Poi l'esercito Tang che era arretrato fece inversione e tornò a combattere, sconfiggendo immediatamente il nemico.

La bravura di Guo causò presto gelosia negli altri. Si iniziò a considerarlo un cancelliere infido e l'imperatore lo retrocesse dalla sua posizione militare. Poco dopo la sua retrocessione, le forze nemiche lanciarono un attacco a sorpresa alla capitale Chang'an mentre l'esercito Tang era fuori. L'imperatore non aveva altra scelta che richiamare Guo e gli ordinò di combattere contro il nemico. Senza alcuna disposizione dell'esercito, Guo dovette combattere in prima linea con solo venti guerrieri, ma iniziò a reclutare l'esercito per strada. La sua reputazione militare funzionò bene e presto raccolse oltre diecimila soldati prima di arrivare alla periferia della capitale. L'imperatore era già fuggito e la capitale era occupata da oltre 200 mila soldati nemici.

Il nemico si era insospettito della facilità con cui aveva conquistato la capitale, quindi Guo decise di approfittare dei loro sospetti. Inviò una truppa sopra la montagna nei pressi della capitale e accese decine di migliaia di pali infuocati, battendo tamburi e facendo i tipici rumori dell’addestramento militare. Nel frattempo inviò qualche pattuglia di cavalleria a distanza visibile dalle mura della città, fingendo che un grande esercito lo avrebbe seguito presto. Alcune spie furono inviate nella capitale per diffondere le voci, «il generale Guo è tornato! Il generale Guo è tornato! L'esercito Tang sta tornando!» Scosso da questi trucchi, il nemico si ritirò dalla capitale preso dal panico.

La dinastia Tang affrontò un'altra crisi quando Guo aveva quasi settant'anni. L'esercito ribelle si alleò con gli Stati confinanti e attaccarono Tang da tutte le direzioni con più di 300mila forze. Ancora una volta a Guo venne ordinato di difendere Tang ed egli si affrettò a preparare il piano di battaglia. Aveva appreso che il capo dei ribelli era morto di recente per una malattia e c’erano stati vari conflitti tra gli eserciti nemici. Così Guo decise che fosse giunto il momento di dividere le truppe nemiche.

C’era un generale nemico che Guo aveva incontrato decenni prima e che nutriva per lui profonda ammirazione, ma aveva creduto nelle voci che davano la morte di Guo. Quindi Guo decise di far visita al campo nemico da solo, nonostante le forti opposizioni da parte dei suoi compagni

Quando Guo arrivò con un paio di guerrieri al campo nemico, rimasero tutti pietrificati. Guo si tolse tranquillamente l'armatura e posò la lancia e si diresse verso il campo del generale. Il generale rimase sconvolto, ma anche molto contento di incontrare Guo. Guo convinse con successo il generale che promise di non combattere più uno contro l'altro e si ritirò con il suo esercito. Ancora una volta la dinastia Tang venne salvata dall’iniziativa personale di Guo.

Il generale Guo Ziyi morì all'età di 85 anni, con grande rispetto da parte di tutti. L'imperatore fu così grato al suo contributo che trattò la famiglia di Guo e i suoi discendenti con grande onore. Dopo la sua morte, Guo fu divinizzato nella religione popolare.

Potete stampare e diffondere gli articoli ed i contenuti pubblicati su Clearharmony, ma per favore citate la fonte.