Washington DC: raduno di fronte all'ambasciata cinese per sostenere le denunce a Jiang Zemin

(Minghui.org) Il 26 giugno i praticanti del Falun Gong di Washington DC con i loro sostenitori hanno organizzato un raduno davanti all'ambasciata cinese con lo scopo di fornire il loro sostegno al recente movimento che coinvolge le vittime della persecuzione in Cina, che stanno presentando delle denunce penali contro Jiang Zemin, ex capo del regime cinese, che ha lanciato la persecuzione del Falun Gong nel 1999.

I praticanti del Falun Gong manifestano davanti all'ambasciata cinese di Washington DC il 26 giugno 2015. Sullo striscione blu si legge, "Fermate subito la persecuzione del Falun Gong"

Ondata di denunce in Cina

Tra il 19 e il 25 giugno i praticanti e i loro familiari hanno presentato 13.109 denunce contro Jiang, secondo quanto riportato sul sito web Minghui.

Tra i primi di maggio e il 18 giugno sono state ricevute da Minghui oltre 9.700 denunce, da più di 1.400 contee (o città) in 29 province, che accusano Jiang di aver avviato, intensificato e sostenuto la persecuzione del Falun Gong in Cina.

Le denunce non sono state depositate solo dai praticanti in Cina, ma anche da 64 praticanti fuggiti dalla Cina e che ora vivono in 18 paesi diversi. I praticanti che hanno sporto denuncia contro Jiang vivono ora in Stati Uniti, Canada, Australia, Francia, Inghilterra, Malesia, Tailandia, Giappone e altri paesi.

Prima di essere notificate al sito web Minghui, queste denunce sono state presentate alla Corte suprema del Popolo e alla Procura suprema del Popolo a Pechino, in Cina.

Sette praticanti di Washington D.C. presentano denuncia

Alla manifestazione sette praticanti dell’area metropolitana di Washington DC hanno parlato in pubblico e hanno mostrato una copia della denuncia recentemente depositata.

I praticanti sono il signor Zhang Huidong, la signora Ma Chunmei, la signora Wang Chunying, la signora Yu Jing, la signora Wang Chunrong, la signora Wang Qiuying e la signora Liu Jianing.

Denuncia dell'ex sindaco della città di Heze

La signora Liu Jianing, ex sindaco della città di Heze, provincia di Shandong, ha parlato al raduno di come è stata perseguitata a causa della sua fede nel Falun Gong.

Ha elencato a lungo le sofferenze subite durante la persecuzione, che comprendono l'arresto, la detenzione, la reclusione, il lavoro forzato, la tortura, il lavaggio del cervello, la casa derubata, la confisca dei beni personali e l'estorsione finanziaria.

A parte il dolore fisico non meno traumatizzante è stata la tortura mentale che ha subito. La polizia della città di Jinnan l'ha detenuta in un centro di lavaggio del cervello nel mese di ottobre del 2000. Le guardie torturavano i praticanti ogni notte, le botte e le urla si udivano in tutta la struttura. Anche dopo essere stata rilasciata 37 giorni dopo, la polizia ha continuato a molestarla.

"È stato simile alle atrocità commesse dai nazisti, in cui molti medici e infermieri seguivano ciecamente gli ordini emessi dai funzionari di livello superiore e hanno poi rifiutato di assumersi le responsabilità delle loro azioni", ha detto.

"Ma non è tutto qui. Anche un gran numero di cinesi hanno partecipato e partecipano ancora a questa persecuzione contro praticanti innocenti, attivamente o passivamente".

Come avvertimento per i responsabili delle atrocità di questa persecuzione ha detto "Le persone coinvolte nelle atrocità naziste furono poi perseguite dalla giustizia. Pertanto chiunque obbedisce agli ordini durante questa persecuzione in Cina dovrà anch'egli affrontare delle conseguenze legali".

La signora Yu Jing si unisce all'ondata di denunce

La praticante di Tianjin, la signora Yu Jing

Anche la signora Yu Jing ha raccontato la sua storia durante l’evento . Lavorava come assistente direttore in un asilo a Tianjin ed è stata arrestata e torturata molte volte.

Mentre si trovava imprigionata in un centro di detenzione nel settembre 2002, le guardie l'hanno schiaffeggiata in viso, picchiata, privata del sonno e costretta ad ascoltare trasmissioni ad alto volume che diffamavano il Falun Gong.

Dopo il suo rilascio, per sfuggire ad ulteriori persecuzioni da parte degli agenti, lei e sua figlia si sono poi trasferite a Shanghai. Ma la polizia di entrambe le città ha collaborato insieme e ha continuato a molestarla.

"Nessuna legge cinese e nemmeno la costituzione cinese hanno leggi o articoli nei loro codici che vietano il Falun Gong. I miei diritti dovrebbero essere garantiti dalla legge e non dovrebbero essere messi in pericolo da Jiang Zemin e dal suo regime", ha detto la signora Yu.

Ha accusato Jiang di deliberate umiliazioni, diffamazione, abuso di potere, detenzione illegale, violazione della libertà di credo, appropriazione indebita, false accuse e distorcere la legge per guadagni personali.

Le responsabilità di Jiang per il genocidio, le torture, e i crimini contro l'umanità non possono essere negate

La signora Chen Yanqing parla al raduno

La signora Chen Yanqing, portavoce della Falun Dafa a Washington DC, ha raccontato che Jiang ha lanciato la persecuzione del Falun Gong nel luglio 1999 in un modo molto severo.

"Jiang ha dettato la forma che avrebbe avuto la persecuzione dei praticanti. I suoi ordini includevano il ’diffamare la loro reputazione, rovinarli finanziariamente e distruggerli fisicamente’ o ’la totale eliminazione del Falun Gong nel giro di tre mesi’"

In qualità di leader del regime cinese con potere dittatoriale, Jiang ha stanziato risorse cinesi da utilizzare nella soppressione. Ciò comprende finanziamenti per la polizia, uffici del pubblico ministero, giudici, polizia armata e reparto militare".

"Jiang e la sua politica di persecuzione hanno violato le leggi cinesi e le leggi internazionali. Deve essere ritenuto responsabile per genocidio, torture e crimini contro l'umanità", ha detto la signora Chen.

Avvocato dei Diritti Umani elogia il coraggio dei praticanti

L'avvocato dei diritti umani Peng Yongfeng parla al raduno

L'avvocato sostenitore dei diritti umani Peng Yongfeng ha lodato il coraggio dei praticanti,
"C'è un vecchio detto cinese, 'il bene viene ricompensato con il bene, e il male con il male'. Questa è la base di tutte le leggi della nostra società".

Ha raccontato che la gente ha visto la compassione dei praticanti del Falun Gong e la malvagità del regime. "Questa è una questione fondamentale per tutti noi, non c'è una via di mezzo tra bene e male".

Peng ha detto che le denunce contro Jiang aiuteranno le persone a capire le menzogne e le trame del regime comunista cinese.

"Questo è un processo di rimozione della maschera di legalità del regime e di esposizione della sua cattiveria, un processo per porre fine alla sua brutalità e un processo per liberare le persone ingannate dal Partito Comunista Cinese (PCC)", ha detto.

Presidente della sottocommissione del congresso supporta i praticanti

Il rappresentante locale Chris Smith, presidente della Global Human Rights and International Organization Subcommittee, ha detto nel corso di un'audizione il 25 giugno 2015 che sostiene le denunce contro Jiang.

Il deputato Chris Smith, membro da lungo tempo della commissione affari esteri e presidente della Global Human Rights and International Organization Subcommittee, ha espresso il suo giudizio favorevole sull'ondata di denunce penali del popolo cinese contro Jiang.

Commentando il fatto durante un’audizione del 25 giugno 2015, Smith ha detto, "Il coraggio e il valore del popolo cinese che continua a presentare queste denunce, che persiste a farsi avanti e a lottare per la democrazia e per veder riconosciute le responsabilità del Partito e del governo, è una cosa maestosa, perché molti di loro ... vengono puniti in qualche modo, ma comunque persistono".

"Il mondo occidentale, il mondo libero di qualsiasi parte del mondo, deve assumersi le sue responsabilità tutti i giorni della settimana per 24 ore al giorno e dire: 'Noi stiamo dalla parte vostra, dalla parte degli oppressi' ".

Antefatto

Nel 1999, Jiang Zemin, capo del Partito Comunista Cinese, senza prendere in considerazione l'opinione degli altri membri del Comitato permanente del Politburo ha lanciato una violenta repressione del Falun Gong.

La persecuzione ha causato, negli ultimi 16 anni, la morte di molti praticanti del Falun Gong. Molti sono stati torturati per la loro fede e persino uccisi per i loro organi. Jiang Zemin è direttamente responsabile dell'inizio e della perpetrazione di questa brutale persecuzione.

Sotto la sua personale direzione, il Partito Comunista Cinese ha istituito un organo di sicurezza extralegale, ”l'Ufficio 610", il 10 giugno 1999. L'organizzazione ha la precedenza sulle forze di polizia e sul sistema giudiziario nello svolgimento degli ordini di Jiang per quanto riguarda il Falun Gong: rovinare la loro reputazione, tagliare le loro risorse finanziarie e distruggerli fisicamente.

La legge cinese permette che i cittadini presentino delle cause penali e molti praticanti stanno ora esercitando il loro diritto di sporgere denunce penali contro l'ex dittatore.

Versione inglese

Potete stampare e diffondere gli articoli ed i contenuti pubblicati su Clearharmony, ma per favore citate la fonte.