Gli abitanti del villaggio desiderano che il numero dei praticanti della Falun Dafa aumenti

(Minghui.org) Sono un praticante della Falun Dafa di 70 anni. Ho iniziato a praticare la Dafa nel mese di aprile del 2000, dopo che nel luglio 1999 Jiang Zemin ha lanciato la persecuzione.

Prima di diventare praticante soffrivo di molte malattie. Avevo una iperplasia ossea lombare che premeva sui nervi e mi rendeva difficile camminare. Avevo anche gravi disfunzioni cardiache e potevo dormire solo stando seduto o reclinato. Soffrivo di mal di testa, mal di gola, dolori di stomaco, infiammazione del tratto intestinale, e stavo anche perdendo la vista. Avevo costantemente dolori e i medici non potevano aiutarmi.

Dopo aver imparato la Falun Dafa mi sono conformato ad essa ed ho trattato gli altri secondo i principi di Verità, Compassione e Tolleranza. A poco a poco le mie malattie sono sparite. Pratico da quasi sedici anni e non ho più speso un centesimo in cure mediche. La Falun Dafa è veramente sorprendente! Sono grato al Maestro Li Hongzhi, il fondatore della Falun Dafa, per avermi restituito la salute ed avermi aiutato a diventare una brava persona.

Vivo in un villaggio in una zona montagnosa nella quale i meli abbondano. Gli abitanti dedicano la loro vita alla coltivazione delle mele. C'è un detto che dice: "Le mele di Qixia sono le migliori al mondo".

Le strade di montagna sono piene di buche, che peggiorano durante la piovosa stagione estiva. La terra viene portata via dall'acqua, lasciando scoperte le rocce. Questo rende la guida molto difficile.

I tricicli sono la principale forma di trasporto in quest'area. Tuttavia, dal momento che nessuno si preoccupa di riparare le strade dopo la pioggia, esse diventano molto sconnesse. Durante il trasporto le mele si rompono o si ammaccano, e per questo è difficile venderle ad un buon prezzo.

I funzionari del villaggio fanno spesso annunci pubblici, tramite la stazione radio del paese, per chiedere ai giovani vigorosi di contribuire ad aggiustare le strade, ma nessuno li aiuta. Sono troppo occupati con le carte da gioco e il mahjong, e il tempo libero lo passano chiacchierando. Gli abitanti dicono: "Se volete il nostro aiuto dovete innanzitutto pagarci. Non lavoriamo se non ci pagate a sufficienza".

Vedendo che la situazione non migliorava, nel 2005 ho deciso di fare quello che potevo per riparare le strade. Ho caricato su un piccolo carrello di metallo delle piccole pale in acciaio, mazze, picconi ed altri attrezzi utilizzati nella costruzione delle strade; con questi ho iniziato a riparare le strade.

Tutti gli anni, per molti anni, ho riparato la strada dall'ingresso del paese fino all'area agricola. Spesso mi ritrovavo fradicio di sudore e tutto sporco. I paesani elogiavano il mio lavoro di volontariato, ma nessuno si è mai offerto di aiutarmi. Le donne, mentre lavavano i vestiti al fiume, dicevano spesso: "Guardate quel praticante della Falun Dafa. È così gentile e non chiede ricompense per aggiustare la strada. Ci piacerebbe che ci fossero più praticanti della Falun Dafa nel nostro villaggio!".

Durante un incontro il segretario del villaggio ha detto: "Cosa stanno facendo i membri del Partito? Guardate il praticante della Falun Dafa, esce ogni giorno e ripara le strade volontariamente. Voi membri del partito dovreste vergognarvi!".

Oltre che sistemare le strade del mio borgo ho anche riparato le strade di quello vicino. Gli abitanti di questo villaggio spesso mi chiedono: "Perché stai riparando le strade del nostro paese? Hai meli qui?". Rispondo: " Io non ho meli qui, io pratico la Falun Dafa, e il Maestro Li ci insegna a fare le cose secondo i principi di Verità, Compassione e Tolleranza. Per questo sto sistemando le vostre strade".

Gli abitanti del villaggio mi sono sempre molto grati e mi dicono: "Grazie mille! I praticanti della Falun Dafa sono veramente brave persone! Quando il Partito Comunista Cinese porrà fine alla persecuzione impareremo la pratica".

Versione inglese

Potete stampare e diffondere gli articoli ed i contenuti pubblicati su Clearharmony, ma per favore citate la fonte.