Il salvataggio della Principessa Dragone - Parte I

Lo studioso Liu Yi invia una lettera
 

Nel corso dei secoli, le leggende cinesi sono state tramandate di generazione in generazione ed a volte queste storie hanno assunto una vita propria, con l’affacciarsi di nuovi incidenti e personaggi. Tuttavia, ognuna di queste storie insegnava lo stesso principio che la leggenda originale voleva impartire.

La leggenda di Liu Yi che consegna una lettera per la Principessa Dragone è cresciuta in popolarità da quando fu ascoltata per la prima volta nella Cina antica. Tutte le versioni convengono sul fatto che la storia sia nata durante la dinastia Tang, nel periodo Zhenyuan (785-805).

Racconterò la storia che ricordo meglio, fra tutte le differenti versioni che ho sentito in una o in un’altra occasione.

Liu Yi incontra la principessa dragone, sola tra i ghiacci, con un gregge di pecore. (Shaoshao Chen/staff dell’Epoch Times)

Un remoto pianto

Il giovane studioso Liu Yi della provincia cinese di Hubei, situata nei pressi del fiume Yangtze ed a nord del lago Dongting, era in viaggio per Pechino, per sostenere l'esame imperiale annuale per una posizione di dipendente pubblico. Passare questo esame era necessario a chiunque volesse servire l'imperatore e contribuire a governare il paese.

Sulla sua strada superò il fiume Jinghe, che corre ai piedi della montagna Kongton, nella parte orientale della provincia del Gansu. Camminando lungo la riva del fiume in una fredda giornata invernale, Liu si sentì investire dal freddo vento di tramontana. Sentì d’essere un vagabondo solitario in quello che sembrava essere un deserto desolato.

Avanzando, con il vento freddo del nord come suo unico compagno, non poteva credere che un altro essere umano si trovasse da qualche parte di questo paesaggio desolato. Ma era come se sentisse gridare qualcuno in lontananza e si decise a cercare la causa di quella tristezza accaduta ad un altro essere umano.

Quando s’avvicinò al suono vide una giovane donna, tremante di freddo, nel bel mezzo d’un gregge di pecore. Tenendo in mano una frusta, in attesa di doversi difendere, con il volto bagnato di lacrime continuava a fare il rumore di qualcuno che piange con tristezza.

La pastorella triste

Liu Yi, sentendo pietà, le si avvicinò e chiese: "Signorina, sta in piedi nel ghiaccio e nella neve senza che, da nessuna parte, ci sia un solo filo d'erba che le pecore possano mangiare." Lei non rispose, ma pianse ancora con ancora maggior tristezza. Ciò spinse Liu Yi a prendersi a cuore quella faccenda e così le chiese di nuovo: "Signorina, mi può dire ciò che la affligge? C'è qualcosa che posso fare per aiutarla?"

Gli ci vollero molte lusinghe perché potesse ascoltare la causa della sua tristezza. Gli raccontò che era la terza figlia del re dragone del lago di Dong Ting e la terza principessa nel palazzo del lago di Dong Ting. Suo padre l’aveva sposata al figlio più giovane del re dragone del fiume Jinghe, l'ultimo di dieci principi.

Continuò il racconto del suo dispiacere e di cose ancora sconosciute al tempo in cui suo padre l’aveva sposata a Jinghe. Disse, con un po’ di paura negli occhi, che non si sapeva che i dragoni Jinghe fossero spietati, crudeli, insensibili ed ostinati. Suo marito portava con sé tutti questi tratti e la trattava male.

Inoltre, pensava solo a se stesso e trascurava il dovere di un principe verso la popolazione locale. La gente aveva bisogno d’acqua per curare i campi, così da poter ottenere un raccolto decente. Ma lui non lasciava che piovesse, e si rifiutava di considerare la siccità e il disastro che la gente del posto stava subendo.

Questa giovane principessa era stata educata a trattare bene i propri sudditi. Così, si impegnò con forza per farlo cambiare e fargli fare ciò che era giusto, lasciando che piovesse in base alle esigenze e assicurando anche il bel tempo. Gli chiese di lasciar vivere le persone in pace e felicità.

Suo marito si rifiutò d’ascoltare e s’arrabbiò molto per il suo suggerimento. I suoi genitori si schierarono con lui e rimasero sconvolti quanto il loro figlio per il suo benevolo suggerimento. Nella rabbia presero il suo strumento magico, che le permetteva di rimanere in contatto con la propria famiglia, e la bandirono dal palazzo. Fecero di lei una pastorella e le fecero badare ad un gregge di pecore.

Il gregge di pecore era fatto da altro, che non pecore. Erano strumenti e soldati magici, che venivano utilizzati per produrre la pioggia, i tuoni e i fulmini. Ma, mentre badava a questo gregge magico, si sentiva d’esser torturata fisicamente e mentalmente. A rendere la sua situazione ancora più dolorosa, non era in grado di mettere la sua famiglia a conoscenza della propria condizione.

Ricevendo un messaggio

A sentir questo, Liu Yi non poteva fare a meno di provare rabbia, perché un altro essere stava venendo maltrattato per il proprio desiderio di fare ciò che era giusto e buono.

Le chiese: "Come posso aiutarla ad uscire da questa miseria?"

La principessa rispose con una profonda gratitudine nel suo cuore: "Tu sei un uomo giusto. Sarei molto in debito e molto grata se potessi aiutarmi. Diventeresti il mio benefattore."

Continuò dopo aver guardato verso di lui: "Avrei bisogno di consegnare una lettera ai miei genitori. Ma sarebbe fuori dalla tua strada e ritarderebbe il tuo viaggio a Pechino, necessario affinché tu possa sostenere l'esame. Potresti non avere abbastanza tempo per consegnare la mia lettera, e non mi sento a mio agio a pensare che tu cambi strada per me.”

Non c'era alcun dubbio, nella mente di Liu, che egli avrebbe aiutato questa damigella in pericolo. Disse: "Come può un vero uomo trascurare la sofferenza altrui per un guadagno personale? Sono disposto a rinviare l'esame ad un’altra volta".

La principessa strappò un pezzo dal suo vestito, si morse il dito medio e scrisse una nota con il dito insanguinato.

La nota diceva: "Padre: La tua terza figlia vive nella miseria, sminuita e trattata male. Potrebbe morire in qualsiasi momento a causa delle circostanze sotto cui deve vivere. Ti prego, vieni e salvare tua figlia al più presto possibile..."

(continua)

Articolo originale: http://www.theepochtimes.com/n2/china/the-rescue-of-the-dragon-princess-part-i-of-iii-59000.html

Potete stampare e diffondere gli articoli ed i contenuti pubblicati su Clearharmony, ma per favore citate la fonte.