Jiang Zemin ordina “Uccideteli senza pietà”

Jiang Zemin ordina “Uccideteli senza pietà” dopo che, a sorpresa, una emittente TV in Cina appoggia il Falun Gong

Gli Uffici “6-10” della provincia di Jilin e della città di Changchun compilano liste di praticanti da condannare o mandare a morte; anche altre regioni hanno le loro liste.

NEW YORK, 7 Marzo 2002 (Centro Informazioni della Falun Dafa) — Dopo la trasmissione TV serale del 5 Marzo di un programma di sostegno al Falun Gong da parte di un'emittente del Nord Est della Cina, un furioso presidente Jiang Zemin ha ordinato una serie di esecuzioni capitali riguardanti tutte le persone coinvolte e altri praticanti del Falun in tutta la Cina. Si dice che, immediatamente dopo l'evento, Jiang abbia ordinato: “Uccideteli senza pietà”. È stato riportato che altre città e province della Cina, seguendo l'ordine del presidente, stiano compilando specifiche liste di praticanti del Falun Gong da mandare a morte.

Il Centro Informazioni della Falun Dafa ha saputo che tra le persone arrestate a Changchun ci sono tre praticanti del Falun Gong che sono stati rapiti subito dopo l'evento. Al momento, non sono note né le identità delle persone coinvolte nel programma televisivo, né la loro relazione con il Falun Gong. Fonti cinesi riportano, tuttavia, che gli Uffici "6-10" della provincia di Jilin e della città di Changchun, dove Martedì 5 c.m. è avvenuta la trasmissione del programma, stanno eseguendo l'ordine di compilare le liste dei praticanti del Falun Gong da mandare a morte; si dice che nella lista ci siano alcuni praticanti che erano stati presi in custodia dalla polizia prima della trasmissione. Si dice che alcune altre persone coinvolte nella trasmissione televisiva saranno condannate ad una dura e lunga detenzione.

Fonti cinesi affermano che la trasmissione televisiva a sorpresa sia durata dai 40 ai 50 minuti ed abbia raggiunto centinaia di migliaia di utenti. Si dice che il programma abbia documentato la natura illegale e violenta della persecuzione contro il Falun Gong e chiarito la vera e positiva natura della pratica. Uno degli argomenti chiave è stato il segmento intitolato "Auto immolazione o inganno?" che ha presentato con evidenza che le immolazioni di Pechino del Gennaio 2001 furono inscenate dal governo.

"La persecuzione del Falun Gong da parte di Jiang si regge su un arsenale di menzogne e inganni, e l'arma più grande è la propaganda che circonda l'incidente dell'auto immolazione; è la più potente e demoniaca delle menzogne" ha detto Levi Browde, portavoce del Centro Informazioni della Falun Dafa. "E questo dimostra perfettamente perché Jiang abbia reagito con tanta furia: è spaventato perché la cosa più terrificante per lui è che il popolo scopra la verità sull'auto immolazione - che il programma televisivo ha rivelato - così come la verità riguardo al Falun Gong. Egli non farà nulla per fermare questo, anche se ciò significasse assassinare il suo stesso popolo".

I programmi sul Falun Gong sono stati trasmessi su otto canali via cavo nella città di Changchun, tutti gestiti dalla Changchun Cable TV Network, una compagnia di proprietà del governo. L'utenza potenziale di questo Network è calcolata in più di un milione di persone. Voci non confermate riportano che trasmissioni simili sono avvenute di recente in altre province della Cina.

La trasmissione TV di Changchun è completamente senza precedenti in Cina, dove nei mass-media si può sentire soltanto la voce dello stato. Per oltre due anni le autorità cinesi hanno pagato la guerra di propaganda contro il Falun Gong e i suoi praticanti. Tutte le pubblicazioni del Falun sono state messe al bando; decine di milioni di suoi libri sono stati confiscasti e distrutti; i suoi siti Web sono stati messi al bando e la sua pratica non può nemmeno essere menzionata nelle "e-mail" e nelle "chat". I media statali hanno prodotto migliaia di servizi che attaccano il Falun Gong; sono stati stampati alcuni milioni di libri a fumetti che demonizzano il Falun, ed anche i bambini delle scuole elementari devono recitare poesie di denuncia del Falun Gong.

La violenza e la tortura della persecuzione ha già portato a 375 (confermati) i morti in stato di custodia della polizia. Fonti del governo cinese, tuttavia, affermano che il numero attuale dei morti è superiore ai 1600.

Il centro Informazioni della Falun Dafa richiede l'immediato rilascio di tutti i detenuti in relazione alla trasmissione TV di Changchun e l'aiuto di tutte le organizzazioni internazionali per prevenire la condanna senza giudizio e l'esecuzione dei partecipanti al programma televisivo e dei praticanti del Falun Gong in tutta la Cina.
Una versione in inglese del video "Auto immolazione o inganno?" trasmesso durante il programma TV di Changchun è disponibile online a http://www.faluninfo.net/devstories/tiananmen/immolation.asp

Lo sfondo

Il Falun Gong, noto anche come Falun Dafa, è una pratica di esercizi e meditazione, il cui insegnamento è basato sui principi universali di "Verità-Compassione-Tolleranza". È una pratica che è stata insegnata segretamente per migliaia di anni prima di essere stata resa pubblica nel 1992 dal Signor Li Hongzhi. Il Falun Gong ha radici nella cultura cinese tradizionale, ma è distinto e separato da altre pratiche in Cina, come le religioni buddista e taoista. Fin dalla sua presentazione, nel 1992, si è rapidamente diffuso con il passa parola in tutta la Cina, ed è ora praticato in più di 50 Paesi.

Con una stima del governo di circa 100 milioni di praticanti del Falun Gong, il presidente cinese Jiang Zemin, ha messo fuorilegge questa pratica pacifica nel Luglio 1999, spaventato da qualsiasi cosa che tocchi i cuori e le menti di più cittadini di quanto faccia il Partito Comunista. Incapace di spezzare lo spirito di milioni di persone che hanno sperimentato il miglioramento della salute e cambiamenti positivi della vita dovuti al Falun Gong, il regime di Jiang ha intensificato la sua campagna di propaganda per rovesciare l'opinione pubblica contro la pratica, mentre tranquillamente imprigionava, torturava e perfino uccideva coloro che la praticavano.

Il Centro Informazioni della Falun Dafa ha verificato in dettaglio oltre 375 morti da quando è iniziata la persecuzione del Falun Gong nel Luglio 1999. Fonti interne al governo cinese, tuttavia, riportano che la lista dei morti è di oltre 1600. Più di 100.000 sono stati detenuti, con più di 20.000 condannati senza giudizio ai campi di lavoro forzato.

Potete stampare e diffondere gli articoli ed i contenuti pubblicati su Clearharmony, ma per favore citate la fonte.