Heilongjiang: Morte sospetta di un ingegnere eccezionale

(Minghui.org) Il signor Li Hongkui era un ingegnere meccanico impiegato presso l'ufficio postale di Harbin nella provincia di Heilongjiang. Fu nominato "impiegato dell'anno" per dieci anni di fila dal governo municipale e provinciale, e dalla presidenza dell'ufficio postale. Fu nominato "dipendente modello" della provincia nel sistema di Posta e Telecomunicazioni, ed era anche ben noto per essere un “buon samaritano”. Era allegro e in ottima salute grazie alla pratica del Falun Gong.

Il signor Li venne arrestato più volte dopo che il Partito Comunista Cinese (PCC) lanciò la persecuzione del Falun Gong nel 1999. Fu arrestato di nuovo il 22 settembre 2005 e quindi condannato a sette anni di reclusione nella prigione di Daqing. Nel mese di agosto 2012, alla moglie del signor Li venne notificato che suo marito era stato ricoverato all'ospedale N. 4 di Daqing per essere sottoposto ad intervento chirurgico a causa di una emorragia cerebrale. Il 28 agosto, il sig. Li si stava riprendendo velocemente dall'operazione, così il suo medico curante approvò il suo rilascio dal reparto di terapia intensiva, ma morì improvvisamente. La sua morte avvenne solo 23 giorni prima della fine della sua pena detentiva. Il suo medico curante esclamò: "E' strano. Non ho mai visto nulla di simile prima ... "

Questo risultato inaspettato sollevò questioni immediate per quanto riguarda le circostanze della morte del sig. Li. L'attenzione presto venne rivolta alle pratiche sospette nella prigione di Daqing.

Eventi nel carcere di Daqing relativi alla morte del signor Li Hongkui

1. I funzionari della prigione di Daqing ignorarono sistematicamente la legge della prigione, negando i diritti di visita alla moglie e ai figli del signor Li per più di sei anni a partire dal giugno 2007. I funzionari della prigione affermarono che le famiglie dei praticanti del Falun Gong dovevano assistere il governo nella loro “trasformazione”, ed erano anche tenute a fornire i cosiddetti "documenti legali" emanati dalla polizia locale.

2. Le guardie carcerarie Chu Zhongxin, Li Jinhao, e Liu Guoqiang usarono manganelli per picchiare il signor Li nove volte nell'arco di cinque giorni, precisamente tra il 17 e il 22 febbraio 2009. Il sig. Li fu gravemente ferito e successivamente costretto a letto.

3. La moglie del signor Li andò alla prigione per vedere suo marito il 25 e il 27 febbraio 2009, ma il carcere le negò i suoi diritti di visita.

Le guardie della prigione Li Jinhao e Liu Guoqiang picchiarono nuovamente il signor Li con bastoni il 25 giugno 2009. La prigione rifiutò di riconoscere il pestaggio in un primo momento, ma in seguito sostenne che avevano disciplinato il signor Li, perché aveva tentato di fuggire e resistere alle guardie. Le guardie poi affermarono: "Ha meritato le botte! E' fortunato che non è morto! Se fosse morto, forse avremmo dovuto compensare un cento o duecento mila yuan per la sua morte, e tu avresti fatto una fortuna! "

4. Il signor Li e decine di altri praticanti nella prigione di Daqing furono privati di cibo per quattro giorni a partire dall'11 luglio 2009.

5. La signora Li era estremamente preoccupata che suo marito sarebbe stato gravemente ferito o ucciso in carcere, e continuò ad appellarsi per il diritto di fargli visita. Andò al governo municipale di Daqing, al governo provinciale, fino al Ministero della Giustizia. Infine, Zheng Zhixin, direttore dell'ufficio di giustizia di Daqing promise che il signor Li non sarebbe stato picchiato oltre, e diede una compensazione di tre mila yuan ($ 488 USD) per chiudere questo caso.

6. Alla signora Li non fu mai concesso il diritto di visita. Le venne solo permesso di chiamarlo una volta, e il signor Li le confermò che era stato picchiato in carcere.

Che cosa fecero i funzionari della prigione di Daqing al sig. Li durante il suo ricovero in ospedale?

La sera del 13 agosto 2012, la prigione di Daqing, improvvisamente disse alla moglie del signor Li che era stato mandato all'ospedale N. 4 di Daqing per un intervento chirurgico a causa di una emorragia cerebrale. Si precipitò in ospedale, e lo trovò nel reparto di terapia intensiva, ancora in coma. Il lato sinistro della sua testa era avvolto in una benda spessa. Aveva un lungo taglio di 3 cm sul suo orecchio destro, ed era difficile dire che cosa fosse stato utilizzato per fare il taglio, in quanto l'orecchio era piuttosto lacerato. Il suo orecchio sinistro era completamente schiacciato e il suo dito destro era gonfio. Contusioni, pieghe, e pelle spellata coprivano altre parti del suo corpo. Due segni neri e blu poco recenti erano presenti sulla gamba sinistra, e un altro livido sulla gamba destra.

1. I funzionari della prigione mentirono alla moglie del signor Li.

Quando la moglie del sig. Li arrivò in ospedale, il signor Li era ancora in coma. Sollevò l'angolo sinistro del suo copriletto, e notò due aree fortemente contuse delle dimensioni di un palmo sulla sua gamba sinistra. Lei si arrabbiò e chiese: "Che cosa gli è successo?" La guardia della prigione Zhu Renshan rispose: "Questa è una voglia." Lei disse: "Non pensate che io sappia dove mio marito ha voglie?"

2. I funzionari della prigione impedirono alla moglie del signor Li di scattare fotografie.

La moglie del signor Li era comprensibilmente arrabbiata e scattò foto delle catene sui piedi del signor Li, e dei lividi su una sua gamba. Zhu Renshan gridò: "Elimina quelle immagini! Elimina quelle foto!" Lei rifiutò, e Zhu la spinse fuori dalla stanza di emergenza.

3. I funzionari della prigione misero l'ospedale sotto stretta sorveglianza.

I funzionari della prigione di Daqing misero diversi agenti a guardia del sig. Li, giorno e notte. Altri due agenti di polizia armati vennero posizionati presso l'entrata per sorvegliarlo tutto il giorno. Anche se il signor Li era in coma e parzialmente paralizzato dopo l'intervento chirurgico, i suoi piedi erano incatenati. La moglie del signor Li chiese a Zhu di togliergli le manette fintanto che rimaneva in coma. Zhu rispose: "Io non posso farlo secondo i regolamenti." Lei chiese: "Quali regolamenti?" Zhu non rispose.

4. I funzionari della prigione non informarono la moglie del signor Li della condizione del marito.

Il medico curante di Li disse alla moglie del signor Li, Bai Qun, che l'operazione aveva avuto successo, e che stava recuperando rapidamente.

Il signor Li venne trasferito dal reparto di terapia intensiva ad un reparto comune il 18 agosto a causa della sua condizione di miglioramento.

Le condizioni del signor Li migliorarono al punto che non era più in condizioni critiche, e tutti i dispositivi per il monitoraggio di cuore, pressione sanguigna e ossigeno nel sangue vennero rimossi il 20 agosto.

Il 25 agosto, fu in grado di nutrirsi senza aiuto. Con il supporto, fu in grado di stare seduto per una decina di minuti. Il 26 agosto fu in grado di stare seduto per 20 minuti con il supporto.

Il medico curante del sig. Li notificò alla sig.ra Bai Qun per tre giorni di fila (il 25-27 agosto), che poteva riportare il signor Li a casa, ma il presidente dell'ospedale rifiutò di farlo dimettere per ragioni sconosciute.

Il signor Li improvvisamente ebbe un attacco di vomito approssimativamente alle 18:00 del 27 agosto, con la bava alla bocca, e convulsioni. Dalle 20:00, la sua temperatura corporea era salita a 42 °C (107,6 °F). Le convulsioni continuavano con sudorazione abbondante.

Alle 05:14 del 28 agosto, il signor Li ebbe un arresto del sistema respiratorio. Il suo cuore allora smise di battere.

Né l'ospedale, né i funzionari del carcere informarono Bai Qun sulla sua condizione critica.

Azioni dei funzionari della prigione di Daqing in seguito alla morte del signor Li

1. I funzionari della prigione rifiutarono di fornire i documenti scritti che descrivessero gli eventi attorno alla sua morte.

La moglie del signor Li andò alla prigione di Daqing molte volte, chiedendo una risposta scritta alle sue 14 domande, tra cui una spiegazione per i lividi osservati sul corpo del sig. Li. Secondo il "Regolamento sulle lettere e visite", la prigione era tenuta a dare una risposta scritta entro due settimane. Tuttavia, passati otto mesi, Bai Qun non ricevette una risposta scritta dal carcere. Huo Weidong, capo della sezione politica della prigione, affermò che il carcere non aveva fornito una risposta scritta al fine di evitare la possibile esposizione di questo caso su Internet. Perché i funzionari della prigione avevano paura di attenersi alle procedure legali?

2. La prigione rifiutò di fornire la registrazione della videosorveglianza

La prigione mantiene un sistema di sorveglianza di 24 ore al giorno. Bai Qun chiese ai funzionari del carcere di fornire le registrazioni video durante il periodo in cui il signor Li accusò l'emorragia cerebrale (prima di essere portato in ospedale). Il capo sezione Huo sostenne che le registrazioni video furono cancellate dopo un certo periodo di tempo. Affrontò anche il sig. Li, "Il video è andato! Riesci a punirci? "

3. Il carcere trasportò segretamente il corpo del sig. Li.

Per motivi non dichiarati, la prigione di Daqing segretamente riportò il corpo del signor Li dalle pompe funebri di Daqing alla prigione senza avvisare la moglie.

4. Il carcere soppresse la libertà di parola.

Dopo che i funzionari della prigione di Daqing non ebbero fornito a Bai Qun una risposta per quanto riguardava la morte del marito, andò all'Ufficio di Giustizia di Daqing, alla Procura di Daqing, al Congresso del Popolo Municipale di Daqing, e al governo municipale di Daqing per segnalare la morte del signor Li, e chiese una direttiva affinché i funzionari della prigione di Daqing rilasciassero una dichiarazione veritiera riguardante gli eventi che portarono alla morte del marito. Tuttavia, nessuna organizzazione governativa rispose alla sua richiesta. Bai Qun non ebbe altra scelta che esporre una foto di tortura del marito su un micro-blog per attirare l'attenzione e il sostegno da parte del pubblico. Migliaia di persone seguirono le risposte sul micro-blog pubblicate ogni giorno. Ben 200.000 visite vennero registrate da questo messaggio. Invece di risolvere la questione, i funzionari della prigione di Daqing fecero ripetutamente pressione sulla signora Bai: "Che cosa vuoi? Continui a postare messaggi sul web, qual è il tuo scopo?".

In accordo con il legale contenzioso amministrativo, le organizzazioni amministrative sono responsabili di fornire elementi di prova per giustificare le loro azioni amministrative, vale a dire, il convenuto ha l'onere di dimostrare l'innocenza per quanto riguarda richieste di risarcimento da parte del querelante. Ciò viene chiamato "inversione dell'onere probatorio."

La signora Li è convinta che la prigione di Daqing abbia la responsabilità di fornire una risposta scritta alle sue richieste di informazioni, di fornire le prove che dimostrino che il sig. Li non fu maltrattato in prigione o torturato a morte. In caso contrario, si ha motivo di sospettare che il signor Li sia stato in realtà perseguitato a morte.

Il direttore Wang Yongxiang era direttamente responsabile della morte del signor Li. Bai Qun scrisse una lettera a Wu Aiying, ministro della Giustizia, per sollecitare la rimozione di Wang Yongxiang dalla carica di direttore della prigione di Daqing, per la rimozione di Liu Yong dalla carica di direttore dell'ufficio di giustizia di Daqing, e per esortarli a fornire un'informativa veritiera degli eventi che portarono alla morte del signor Li.

(*) GLOSSARIO

Versione inglese

Potete stampare e diffondere gli articoli ed i contenuti pubblicati su Clearharmony, ma per favore citate la fonte.