Brillante con i colori (五光十色)

Nella sua rapsodia, Jiang descrive la donna come «un loto rosso in una piscina di acqua naturale ... lei è luminosa con i colori, bella e brillante» (Flora Chung / Epoch Times)

Jiang Yan è stato un poeta della dinastia del Sud (420-581 d.C.). È stato riconosciuto come un maestro di Fu e fu un’importante figura letteraria del suo tempo.

Fu è una rapsodia o poesia in prosa, un genere della letteratura cinese tradizionale. Era un tradizionale stile di scrittura, un qualcosa tra una poesia e un saggio.

Quando Jiang era giovane, era brillante nello studio della letteratura. Le sue poesie e i suoi testi rapsodici erano eccezionali.

Una delle sue più celebri rapsodie fu Li Se Fu, che descriveva la bellezza e l'eleganza di una signora. In un paragrafo Jiang scrisse:

«Al primo sguardo alla bella signora, sembra come un loto rosso in una piscina di acqua naturale. Quando si muove, i suoi gesti eleganti sono come le bellissime nuvole che volano dalle scogliere. È luminosa con i colori, bella e brillante».

Questa rapsodia ha ispirato l’idioma 五光十色 (Wǔ Guang shí sè), che letteralmente significa «cinque luci e dieci colori» ed è spesso tradotto come «brillante con i colori» o «colorato».

L’idioma è usato per descrivere qualcosa che è, allo stesso tempo, bello, colorato e luminoso.

Potete stampare e diffondere gli articoli ed i contenuti pubblicati su Clearharmony, ma per favore citate la fonte.