“Devo fare causa a Jiang Zemin per la gente del mondo”, ha detto una giovane donna della provincia del Gansu presentando una denuncia penale contro Jiang Zemin.

(Minghui.org) La signora He Xiaoyan, una piccola imprenditrice della contea di Ning nella provincia del Gansu, è stata discriminata a scuola e sul posto di lavoro a causa della sua fede nel Falun Gong. Recentemente ha presentato una denuncia penale alla Procura suprema del Popolo contro Jiang Zemin, ex leader del Partito Comunista Cinese, per aver dato inizio alla persecuzione del Falun Gong.

La signora Xiaoyan ha detto: “Jiang ha lanciato e diretto la persecuzione del Falun Gong e sparso menzogne diffamando la pratica. Innumerevoli persone sono state ingannate e gli agenti della pubblica sicurezza in Cina hanno commesso orribili crimini a causa di ciò. Devo fare causa a Jiang per la gente del mondo.”

Discriminata per il suo credo

La signora He ha iniziato a praticare il Falun Gong nel 1996. Quando la persecuzione iniziò la polizia locale andò a casa sua e attaccarono suo padre, che era anche egli un praticante. Alla fine lo arrestarono e perquisirono illegalmente la casa.

La signora He, a quel tempo, aveva solo quindici anni e dovette prendersi cura di sua madre che aveva problemi mentali e del fratello più piccolo.

La polizia locale inoltre andò nella sua scuola media per minacciarla. Insieme con il preside e altri insegnanti cercarono di costringerla a sottoscrivere una dichiarazione in cui dichiarava che non avrebbe più praticato il Falun Gong.

Per sfuggire alla pressione la signora He cercò di trasferirsi in un’altra scuola all’inizio del nono anno del college ma non appena scoprirono che lei praticava il Falun Gong fu respinta.

La signora He andò a frequentare una scuola tecnica dopo la scuola media. Quando l’insegnate venne a sapere che praticava il Falun Gong assegnò ad alcuni studenti il compito di monitorarla nel dormitorio.

Molto presto l’insegnate e gli studenti scoprirono, con loro sorpresa, che a differenza di quanto aveva descritto nella propaganda il PCC, la signora He era invece una brava e amabile persona.

Nel 2005 dopo sei mesi che lavorava in uno stabilimento chimico nella città di Cangzhou, il capo della signora He la minacciò di licenziamento se non avesse rinunciato alla sua fede. Il giorno seguente lei gli rispose che piuttosto (che rinunciare alla sua fede) avrebbe rassegnato le dimissioni. Non volendo lasciar andare via una lavoratrice molto brava e che lavorava duro il capo le chiese di rimanere.

Nel 2010 la richiesta della signora He per un passaporto fu rifiutata per la sua fede e il suo viaggio ad Hong Kong cancellato.

Antefatti

Nel 1999 Jiang Zemin, come capo del partito comunista cinese scavalcò gli altri membri del Comitato permanente del Politburo e lanciò una violenta repressione del Falun Gong.

In questi 16 anni la persecuzione ha portato alla morte di molti praticanti del Falun Gong. Molti sono stati torturati per il loro credo e molti uccisi per i loro organi. Jiang Zemin è il diretto responsabile dell’inizio e del proseguimento della brutale persecuzione.

Sotto la sua personale direzione il Partito Comunista Cinese il 10 giugno 1999 ha istituito un organo di sicurezza extralegale “l’Ufficio 610”. Questa organizzazione scavalca i controlli delle forze di polizia e del sistema giudiziario nell’eseguire le direttive di Jiang sul Falun Gong di: “Rovinare la loro reputazione, tagliare le loro risorse economiche e distruggerli fisicamente”.

La legge cinese permette che i cittadini ricorrano alle cause penali e molti praticanti stanno ora esercitando tale diritto sporgendo denunce penali contro l'ex dittatore.

Versione inglese

Potete stampare e diffondere gli articoli ed i contenuti pubblicati su Clearharmony, ma per favore citate la fonte.