Heilongjiang: Zhao Peijin, insegnante, perseguitata per molti anni dal PCC

Nome: Zhao Peijin (赵培金)
Sesso: Femmina
Età: 49
Indirizzo: Hanjiayuan. Distretto di Daxinganling in provincia di Heilongjiang(大兴安岭韩家园)
Lavoro: Insegnante
Data d'arresto più recente: Luglio 2008
Luogo di detenzione più recente: Carcere Femminile di Heilongjiang
Città: Harbin
Provincia: Heilongjiang
Persecuzione subita: Carcerazione preventiva, brutali pestaggi, lavori forzati, casa saccheggiata, estorsione, torture durante l'interrogatorio, insulti, privazione del sonno, Appesa ai polsi ammanettati, processo illegale, sentenza illegale, imprigionamento, lavaggio del cervello, licenziata dal posto di lavoro.

(Minghui.org) La signora Zhao Peijin era un insegnante alla scuola elementare in Yuzhen Hanjiayuan nel distretto Daxinganling. Ha iniziato a praticare la Falun Dafa nel 1996. Ha lavorato diligentemente a scuola ed è stata riconosciuta dall'Ufficio d'Istruzione come insegnante di rilievo per tre anni consecutivi di fila. Era molto ammirata dai suoi studenti e dai loro genitori. A casa, era una buona moglie e madre e aveva una famiglia felice.

Dopo che il Partito Comunista Cinese (PCC) ha cominciato a perseguitare il Falun Gong nel 1999, Zhao Peijin è stata arrestata tre volte dalla polizia di Hanjiayuan e ha dovuto sopportare quattro anni di miseria nel carcere femminile di Harbin perché non voleva rinunciare alla Falun Dafa. Nel mese di luglio 2012, è stata rilasciata dalla prigione e ha fatto ritorno a casa. I dipendenti locali del PCC l'hanno continuata a molestare, così ha dovuto lasciare casa e andare al di fuori della sua regione a lavorare. Ma i dipendenti del PCC hanno continuato a molestare la sua famiglia.

Detenuta illegalmente tre volte

Nel gennaio 2000, la signora Zhao è andata a Pechino per chiedere giustizia in favore della Falun Dafa ed è stata arrestata. È stata brutalmente picchiata dal vice capo della Polizia di Hanjiayuan, Wang Yunlong, e da altri ufficiali. Le hanno anche tirato i capelli dalle radici. La seconda volta, è stata arrestata, il 15 giugno 2000. Feng Lutong della Polizia di Hanjiayuan ha fatto irruzione nella sua casa per molestarla; le chiese se sarebbe ancora andata a Pechino. Lei ha detto che l'avrebbe fatto, così l'hanno arrestata di nuovo. A quel tempo, sua figlia di 9 anni aveva perso sangue dal naso. Lei piangeva e ha cercato di trascinare la madre lontano così che la polizia non l'avrebbe portata via, ma senza alcun risultato. Dopo che la signora Zhao è stata arrestata, sua figlia è rimasta sola, e gli altri bambini non giocavano con lei. La bambina andò al fiume di fronte a casa sua e strillò con tutto il suo cuore.

La signora Zhao Peijin è stata mentalmente e fisicamente torturata durante i suoi quattro mesi di detenzione. Il cibo era immangiabile, il letto era gelato. Inoltre è stata costretta a fare lavori sporchi e difficili. Il Comitato Politico e Legislativo del PCC, l'Ufficio 610 (*), il suo datore di lavoro e anche i suoi parenti le facevano pressione per abbandonare la coltivazione e scrivere la dichiarazione di garanzia (*), promettendo di rinunciare al Falun Gong. Era sotto intensa pressione e mentalmente esausta.

Prima dei giochi olimpici del 2008, il PCC ha arrestato molti innocenti praticanti del Falun Gong per garantire la "sicurezza" dei giochi. Una notte nel luglio 2008, il vice capo del dipartimento di polizia di Hanjiayuanm Ji Chunli, altri ufficiali, e Wang dalla comunità hanno fatto irruzione nella casa di Zhao Peijin per arrestarla e saccheggiarle la casa. Hanno ribaltato l'intera casa sottosopra. Hanno preso il suo computer, il telefono cellulare, il lettore mp3, il registratore, CD e cassette. L'hanno arrestata e l'hanno portata al dipartimento di polizia. La signora Zhao è stata torturata durante gli interrogatori e poi portata al centro di detenzione di Shibazhan della contea di Tahe verso l'1 di pomeriggio.

Il marito della signora Zhao non può sopportare la pressione e divorzia

Quando la signora Zhao è stata arrestata, il marito ha vissuto l'arresto e la confisca dei loro beni. È stato traumatizzato, si è ammalato gravemente e non ha potuto alzarsi per due giorni. Quando suo padre di 80 anni ha sentito la brutta notizia dell'arresto di sua nuora, la sua pressione sanguigna è aumentata ed è morto dopo pochi giorni. I suoi fratelli e sorelle ora danno tutti la colpa alla signora Zhao per malattia del marito e la morte del padre.

Durante il suo processo, la signora Zhao ha dichiarato con fermezza che la Falun Dafa è buona e che coltivare la Falun Dafa è legale. A causa della pressione dal suo datore di lavoro, della polizia e dei suoi parenti, il marito ha chiesto il divorzio. Al fine di alleviare le sofferenze di suo marito, la signora Zhao non ha chiesto nulla a livello legale. Dopo il suo rilascio, non aveva soldi e non aveva un posto dove andare.

Mentre la signora Zhao era nel carcere femminile di Heilongjiang, il marito le ha scritto una lettera e le ha detto che le mancavano molto i bei tempi passati e la loro casa calda e felice.

Nel giugno 2010, il marito della signora Zhao è andato a trovarla in carcere due volte. Le autorità della prigione hanno rifiutato di lasciargliela vedere, ed è tornato a casa in lacrime.

Condannata illegalmente a cinque anni di carcere

Il 27 agosto 2008, la signora Zhao Peijin e altri tre praticanti del Falun Gong sono stati incarcerati nel centro di detenzione di Hanjiayuan nel distretto Daxinganling. L'istruttore femminile nel centro di detenzione la insultava e le urlava per tutto il tempo. È stata tenuta lì per otto mesi. Ha fatto uno sciopero della fame di 5 giorni per protestare contro la persecuzione. È stata interrogata con la tortura. La polizia non l'ha lasciata dormire, l'ha ammanettata, e l'ha appesa ad un palo. Ha anche detto ad una prigioniera che è stata imprigionata per aver rubato un cavallo di abusare verbalmente e fisicamente di lei.

Il 29 agosto 2008, la signora Zhao e altri sette praticanti - Li Yaru, Wang Yuhong, Yu Zhongzhu, Li Yajuan, Sun Lijuan, Zuo Weiyan, e Se Guirong - sono stati perseguiti dalla polizia di Hanjiayuan. Zhang Zhigang della procura della contea di Huma ce l'aveva con Zhao Peijin, dal momento che era stata molte volte in disaccordo con lui in tribunale. L'ha condannata ad altri cinque anni di carcere. La signora Zhao e gli altri sette praticanti hanno rifiutato di accettare la sentenza e fatto appello dinanzi alla corte nel distretto Daxinganling. Tre mesi più tardi, il loro ricorso è stato respinto e la sentenza originale è stata confermata.

La notte del 27 aprile 2009, una dozzina di ufficiali della Polizia di Hanjiayuan guidati da Han Zhao segretamente, hanno portato la signora Zhao e gli altri praticanti nel Carcere Femminile di Heilongjiang e nella prigione di Tailai a Qiqihar.

Sottoposta a lavaggio del cervello e brutalmente perseguitata

Nel Carcere Femminile di Heilongjiang, la signora Zhao Peijin è stata brutalmente perseguitata. Fu assegnata all'undicesimo Distretto del carcere, il quale è stato chiamato la "squadra rigida", allestito appositamente per i praticanti del Falun Gong. È stata rinchiusa in una piccola stanza, sottoposta a lavaggio del cervello, e messa sottopressione per essere "trasformata (*)". Un gruppo di collaboratori (*) e di prigionieri si sono alternati cercando di lavargli il cervello giorno e notte. L'hanno ingannata con la menzogna e hanno usato il "poliziotto buono, poliziotto cattivo", una tecnica per cercare di abbattere la sua volontà. Il prigioniero Cui Xiang ha minacciato che gli avrebbe stortato la testa se si fosse rifiutata di essere "trasformata". I prigionieri che sono stati inviati a monitorarla, l'hanno sorvegliata per tutto il tempo. Non le hanno permesso di sedersi, di chiudere gli occhi, e nemmeno di guardare fuori dalle finestre. Le facevano guardare i video ed i materiali che diffamano il Maestro Li e la Dafa. La polizia le metteva pressione per scrivere le tre dichiarazioni (*). Se si rifiutava, avrebbero incolpato i prigionieri che erano nello stesso gruppo con lei. Hanno incitato tutti gli altri prigionieri ad odiare i praticanti del Falun Gong. Hanno vietato ai praticanti di fare molte cose che hanno permesso ad altri prigionieri e incitato i detenuti ad odiare il Falun Gong. È stato un inferno vivente e sopravvivere è stato molto difficile, l'ambiente era oppressivo.

Costretta a fare lavori forzati

Più tardi, Zhao Peijin è stata costretta a fare lavori forzati tutti i giorni. Ha dovuto alzarsi molto presto e andava a letto molto tardi. Dopo aver finito il lavoro durante il giorno tornava alla prigione, lì è stata ancora costretta a lavorare di notte nell'imballaggio di stuzzicadenti; smistare i bastoncini dei gelati, cartoline e sacchetti; ha dovuto tessere piccoli cuscini e lavorare a maglia nodi cinesi. Le sue dita si sono screpolate e le sue mani erano piene di calli. La pelle delle mani si è staccata strato per strato, ma ha dovuto ancora lavorare nonostante il dolore.

Insultata e torturata in prigione

Il Carcere Femminile di Heilongjiang ha rubato i soldi dei suoi detenuti. Infatti hanno perseguitato i praticanti del Falun Gong a livello mentale mandando prigionieri a guardarli in modo da separarli gli uni dagli altri. La polizia ha usato assassini, ladri, truffatori, trafficanti di droga per controllare i praticanti e limitarne la loro libertà personale. Molti dei prigionieri hanno così rinviato la loro condanna a morte o l'ergastolo. Di solito, due prigionieri sono stati inviati a controllare un praticante. Inoltre, alcuni prigionieri hanno guardato segretamente altri prigionieri che erano stati mandati a guardare i praticanti. I praticanti sono stati costantemente insultati dai detenuti non appena non si rifiutavano di collaborare con le restrizioni irragionevoli e i tentativi di lavaggio del cervello. I prigionieri avrebbero dovuto segnalare eventuali "infrazioni" alle guardie, e mettevano i praticanti in isolamento, li torturavano e li sottoponevano ad un ulteriore lavaggio del cervello. Se i praticanti non collaboravano con i detenuti, la polizia avrebbe sottratto punti dal risultato delle prestazioni dei prigionieri, e i prigionieri avrebbero dovuto inimicarsi i praticanti ancora di più.

Le praticanti del Falun Gong nella prigione femminile della provincia di Heilongjiang erano trattate peggio degli assassini e dei prigionieri nel braccio della morte, a cui era permesso di usare il bagno, fare il bagno, e lavare i loro vestiti. Ma le praticanti non avevano questi diritti fondamentali. Sono state isolate in una zona specifica, e a tutte le praticanti in un gruppo è stato permesso di andare insieme al bagno e fare la doccia, sempre seguite da prigioniere. Ad esempio, le prigioniere potevano lavare i loro vestiti ogni volta che volevano. Ma le praticanti sono state autorizzate a fare il bucato il sabato a un'ora specificata. Alle praticanti dello stesso gruppo non è stato permesso di vedere le altre praticanti. Hanno dovuto aspettare e andare una alla volta. Dopo aver finito di lavare i loro vestiti, non c'era posto per asciugarli, così hanno dovuto asciugarli in bagno. Dato che non c'erano fili per appenderli, ci sarebbero voluti giorni per far asciugare i loro vestiti.

Dopo aver terminato un pasto, le praticanti hanno dovuto attendere che le prigioniere che le controllavano, finissero il loro pasto. La signora Zhao ha resistito all'intervento costante delle prigioniere, allora le detenute spesso la insultavano.

Warden Genghui Shi e Bai Yingxian hanno spesso ordinato alla polizia di cercare le praticanti. Avrebbero spesso condotto ricerche a sorpresa nelle camere delle praticanti al fine di trovare articoli del Falun Gong, in particolare nel periodo di vacanza del PCC. In primo luogo hanno cercato spogliandole, e poi hanno cercato anche nei loro letti ed in altri settori. Appena hanno trovato un articolo, hanno immediatamente preso le praticanti e le hanno portate nella camera di isolamento. Le guardie per due volte hanno trovato un piccolo pezzo di carta con uno dei nuovi articoli del Maestro Li scritto su di esso, nel letto della signora Zhang Jiqiu. È stata messa nella camera di isolamento due volte e torturata.

Alle 6, una mattina, alcune prigioniere si erano appena alzate, non avevano piegato ancora le coperte quando un gruppo di poliziotti armati è arrivato nel cortile della prigione. Ben presto hanno attraversato tutti i quartieri e i piani. Tutte le praticanti e delle prigioniere sono state riunite nella sala. L'atmosfera era opprimente. Alcune prigioniere avevano palpitazioni e la pressione arteriosa alta.

Le praticanti del secondo piano spesso hanno gridato, "La Falun Dafa è buona!". Poi le guardie hanno iniziato a picchiarle e torturarle. Una volta, una giovane praticante che è stata costretta ad indossare un giubbotto rosso (i praticanti che hanno rinunciato al loro credo sono stati costretti ad indossare giubbotti rossi) non si sentiva bene. I prigionieri le hanno afferrato il polso e l'hanno trascinata in ospedale. Un’ufficiale donna di 30 anni ha schiaffeggiato in modo duro la faccia di una praticante davanti agli altri. Il 22 novembre 2011, la praticante Yang Xiaolin è stata rinchiusa in una stanza fredda solitaria senza riscaldamento durante l'inverno gelido, perché i prigionieri avevano scoperto che aveva fatto meditazione nel cuore della notte. Ha avuto un attacco di cuore a causa del freddo ed è stata mandata in ospedale.

Le anziane praticanti del Falun Gong sono state costrette a fare lavori forzati tutti i giorni, anche se erano già sfinite. La signora Wang Xianglan, 70 anni, è stata perseguitata così ferocemente che ha avuto un ictus e riusciva a malapena a camminare. Il centro di detenzione locale aveva paura ad accettarla, ma la polizia l'ha arrestata direttamente dalla sua casa e l'ha portata al carcere femminile di Heilongjiang. Nella prigione, la signora Wang non poteva accovacciarsi per usare il bagno e spesso si è sporcata addosso.

Le praticanti che hanno fatto lo sciopero della fame per protestare contro la persecuzione hanno subito una brutale alimentazione forzata. Le prigioniere hanno usato i panini avanzati, e glieli hanno schiacciati e le hanno alimentate forzatamente. La polizia ha anche costretto le praticanti ad indossare l'uniforme carceraria.

Molte praticanti sono crollate a causa della persecuzione disumana, e un certo numero di praticanti sono morte prima di essere rilasciate. La signora Li Yaru, che è stata arrestata e condannata insieme a Zhao Peijin, si è ammalata gravemente. La sua famiglia finalmente le ha potuto fornire un trattamento medico, ma è morta poco dopo il suo ritorno a casa. La signora Li Yaru era molto giovane e di talento, ma è stata perseguitata a morte solo perché coltivava il Falun Gong e voleva essere una brava persona.

Il signor Yu Zhongzhu è stato condannato anche lui insieme alla signora Zhao. È stato perseguitato a morte nella prigione di Tailai a Qiqihar. La signora Wang Yuhong è ancora detenuta nel carcere femminile di Heilongjiang e sta soffrendo di brutali torture. La sua salute si è deteriorata e si è sottoposta a due interventi chirurgici importanti. La sua pressione sanguigna ha raggiunto 240 ed è andata in stato confusionale ogni giorno. Nel mese di agosto 2011, la signora Wang è stata ricoverata nell'ospedale della prigione per oltre un mese.

Zhao Peijin e la sua famiglia continuamente monitorati e molestati

Anche la signora Zhao Peijin si è ammalata dentro il carcere femminile di Heilongjiang e ha subito un intervento chirurgico in ospedale. Il 26 luglio 2012, è stata rilasciata. Nie Shoujiang dell'ufficio 610 (*) di Hanjiayuan ha aspettato nella sala di ricevimento del carcere e le ha ordinato di scrivere la dichiarazione di garanzia per non essere più un praticante del Falun Gong. La signora Zhao ha rifiutato. Poi l'Ufficio 610 ha costretto la figlia a scrivere la dichiarazione senza che la signora Zhao lo sapesse.

Durante la prigionia, la signora Zhao, è stata illegalmente licenziata dal suo datore di lavoro. Quando è uscita di prigione, non aveva nessun posto dove andare. Pensò di andare a Pechino con la figlia, ma Nie Shoujiang dell'Ufficio 610 ha provato a fermarla in ogni modo possibile. Quando la signora Zhao ha cercato di ottenere un lavoro presso l'Ufficio Forestale Hanjiayuan, il segretario del Partito del distretto di Hanjiayuan, Zhou Kuiwei e il vice segretario Ha Xueping l'hanno buttata fuori. Quando ha provato a cercare il capo del Corpo Forestale dell'ufficio di Hanjiayuan, Bai Yongqing, il Comitato Politico e Legislativo non gli ha fatto visitare il direttore generale.

Zhao Peijin ha dovuto fare lavori forzati per sopravvivere, anche se era in cattive condizioni di salute. Il Dipartimento di polizia di Hanjiayuan, la stazione di polizia, il Comitato Politico e Legislativo, e l'Ufficio 610 hanno molestato lei e la sua famiglia. La polizia non ha solo reso la vita di Zhao Peijin estremamente difficile, ma ha anche molestato la sorella minore e la figlia. Hanno monitorato i loro telefoni cellulari e i telefoni di casa, li hanno chiamati per minacciarli, e hanno fatto irruzione nella casa della sorella di Zhao Peijin per molestarla. La polizia si è anche nascosta vicino agli amici della signora Zhao e nelle case di altri praticanti del Falun Gong per monitorarla. Hanno distrutto una famiglia innocente e danneggiato la stabilità sociale.

(*)GLOSSARIO

Versione inglese

Potete stampare e diffondere gli articoli ed i contenuti pubblicati su Clearharmony, ma per favore citate la fonte.