Svizzera: La gente è scioccata dalle atrocità nel campo di concentramento di Sujiatun

Il 18 marzo 2006, i praticanti svizzeri del Falun Gong hanno tenuto un'attività al Paradeplatz situato su Bahnhofstrasse a Zurigo. I praticanti hanno esposto ai passanti i crimini che il regime comunista cinese ha commesso in un campo di concentrazione segreto, tipo quelli Nazista, nel distretto di Sujiatun, città di Shenyang. Almeno seimila praticanti del Falun Gong sono stati illegalmente incarcerati là. I loro organi sono stati prelevati per profitti astronomici. I corpi dei praticanti assassinati del Falun Gong sono stati inceneriti per distruggere le prove.

Le foto esibite nell'attività sono state scioccanti. Un enorme striscione, sul quale si leggeva "condanna il regime comunista cinese per il prelievo di organi dai praticanti del Falun Gong incarcerati in un campo di concentramento segreto e la vendita di organi per profitti" ha attirato l'attenzione di molta gente. Si sono fermati a guardare ed a leggere i cartelloni informativi. Riferendosi alla dimostrazione degli esercizi, alcuni dei praticanti hanno spiegato che il Falun Gong è un metodo tradizionale cinese di coltivazione con esercizi lenti e movimenti armoniosi. I praticanti hanno aggiunto che il Falun Gong richiede ai praticanti di diventale delle brave persone seguendo i principi di verità, compassione e tolleranza. Tuttavia, questo non è tollerato dal regime comunista cinese, che lo vuole sradica con menzogne, malvagità e violenza. Il regime vuole controllare i pensieri della gente e non permette di avere una propria opinione. Di conseguenza, il regime ha instaurato una sanguinante persecuzione. Riguardo al conoscere la verità, molta gente ha espresso la loro solidarietà firmando la petizione a sostegno del Falun Gong.

Una signora è venuto al tavolo delle informazioni dopo avere ascoltato le spiegazioni dei praticanti. Ha firmato tutte e quattro le petizioni, compreso una denuncia per il prelievo di organi al campo di concentramento di Sujiatun, una per salvare i praticanti illegalmente detenuti in Cina, una per salvare i bambini del Falun Gong perseguitati ed una per fermare la persecuzione.

Foto scioccanti della persecuzione La gente si ferma a guardare la dimostrazione degli esercizi

Guardando le foto che descrivono il prelievo di organi da parte del regime comunista cinese, due ragazze si sono commosse, "è così orribile." Hanno detto che sono andate a ShangHai non tanto tempo fa ed hanno comprato alcune cose che costavano poco. I praticanti hanno detto loro che molti praticanti del Falun Gong sono incarcerati illegalmente nei campi di lavoro e costretti a fare gli schiavi. I prodotti che fanno sono esportati in paesi stranieri. Le due ragazze hanno detto che si sentivano colpevoli che i prodotti che avevano comperato avrebbero potuto essere stati fabbricati da praticanti del Falun Gong che erano nei campi di lavoro forzati e che il prezzo basso è permesso a scapito delle sofferenze dei praticanti del Falun Gong. Hanno programmato di non comperare più nessun prodotti fatto in Cina e si sono augurate che anche la gente in altri paesi boicottino i prodotti Cinesi.

Come può accadere una cosa simile? Un praticante tiene un manifesto per attirare l'attenzione del pubblico

Un turista austriaco ha detto che la sua città è stata il luogo di un campo di concentramento all’epoca del Nazismo. Le persone incarcerate hanno subito varie torture, dall’essere picchiato, alle scosse elettriche ad essere sepolto vivo o morire nelle camere a gas. Le situazioni erano troppo spaventose da immaginare. I praticanti gli hanno parlato dei campi di concentramento costruiti dal regime comunista cinese e della continua persecuzione contro i praticanti del Falun Gong in Cina. Ha detto che bisogna fare in modo che molta più gente possa conoscere la verità e che dovremmo fare del nostro meglio affinché sempre più persone possano capire quello che sta avvenendo in Cina.

Due giovanotti hanno fatto domande specifiche riguardo al Falun Gong dopo aver capito perchè il regime comunista cinese perseguita il Falun Gong. Prima di andarsene, hanno spiegato ad un signore anziano che i praticanti del Falun Gong stavano facendo delle cose molto speciali e che erano cose giuste.

Un anziano signore, all’inizio ha rifiutato di firmare la petizione, ha cambiato idea dopo che i praticanti gli hanno spiegato la natura del regime comunista cinese ed la brutale persecuzione alla brava gente. I praticanti gli hanno spiegato che l’intento dei manifesti informativi era quello di esporre le menzogne del PCC e sollevare la consapevolezza tra le persone. Il signore ha detto che avrebbe letto con attenzione gli opuscoli e che avrebbe scritto una lettera al governo svizzero. Alla fine, ha firmato la lettera di petizione indirizzata al governo svizzero ed alle Nazioni Unite, per sollecitare un'indagine immediata sul campo di concentramento di Sujiatun.

Un signore anziano, che aveva rifiutato di firmare, ha cambiato idea dopo avere ascoltato quello che sta accadendo a Sujiatun

Mentre i praticanti stavano smontando gli striscioni e stavano andando via, è arrivata una signora e si è presentata come un membro di Amnesty International. Ha detto che avevano avuto notizie simili all'evento di Sujiatun e che era disposta a aiutare i praticanti. Attraverso vari modi, i praticanti del Falun Gong continueranno ad esporre i crimini che il regime comunista cinese ha commesso in Sujiatun.

Here is the article in English language:
http://en.clearharmony.net/articles/a32078-article.html

Potete stampare e diffondere gli articoli ed i contenuti pubblicati su Clearharmony, ma per favore citate la fonte.