Human Rights Watch: Comunicato stampa Meditazione pericolosa (estratto)

(New York, 7 Febbraio, 2002). Il Governo cinese utilizza nuove leggi e nuove interpretazioni di vecchie leggi per reprimere il Falun Gong, ha dichiarato Human Rights Watch in un nuovo rapporto pubblicato oggi.
I membri del Falun Gong sono stati classificati, insieme ai “separatisti” tibetani e Uighur ed altri gruppi religiosi non riconosciuti, come grande minaccia al Partito Comunista, ha detto Human Rights Watch. Il rapporto di 117 pagine, Meditazione pericolosa: la campagna cinese contro il Falun Gong, analizza perchè e come il Governo cinese abbia avviato un piano per sradicare il gruppo che lo stesso definisce “(omise le parole diffamatorie del regime”. In recenti documenti, il Governo cinese ha suggerito che il Falun Gong è un’organizzazione terroristica.

"Gli sforzi della Cina di paragonare il Falun Gong ai terroristi sono ridicoli", ha detto Sidney Jones, executive director dell’Asia Division di Human Rights Watch.“ Molti membri del Falun Gong sono cittadini pacifici, rispettosi della legge e non c’è scusa che tenga contro le violazioni dei diritti umani da loro subite”

........Dalla messa al bando iniziale, il Governo è passato al divieto di praticare esercizi del gruppo in pubblico, confiscando e distruggendo centinaia di migliaia di copie delle relative pubblicazioni.

Il Governo cinese ha incrementato l’uso di tattiche violente man mano che i membri del Falun Gong organizzavano dimostrazioni pacifiche contro la repressione. Ha utilizzato inoltre procedimenti amministrativi di detenzione per tenere i membri in campi di rieducazione e strutture per il trattamento delle malattie mentali. L’ordinamento giudiziario cinese ha reinterpretato la legge esistente per facilitare l’arresto dei membri del Falun Gong.
...................

"L’accusa secondo la quale il Falun Gong costituirebbe una minaccia alla stabilità della Cina non tiene" ha dichiarato Jones. “La sua dichiarazione secondo la quale la fede nel Falun Gong è una minaccia per la salute pubblica, è altrettanto falsa. Il pericolo per la salute deriva dal trattamento subito dai suoi praticanti nelle mani della polizia e del personale carcerario.”.

Meditazione Pericolosa mette in primo piano al lungo racconto di un membro del suo trattamento in prigione, la sua rinuncia al Falun Gong sotto pressione e la sua ritrattazione della propria testimonianza al suo rilascio. Descrive la prima delle sue quattro detenzioni. Alcune forze di polizia lo avevano portato alla stazione di polizia locale, dove lo avevano buttato a terra e picchiato così duramente gli ci erano voluti tre mesi perché le sue gambe guarissero; lo avevano infine sottoposto ad elettrochoc fino a fargli “perdere la testa”. Il capo di polizia gli aveva detto: “Se muori, ti seppelliremo e diremo a tutti che ti sei suicidato perché temevi di essere accusato di reato penale”.

Human Rights Watch rileva che la legislazione “anti-culto”, attuata per eliminare il Falun Gong, viene utilizzata contro almeno altre sedici organizzazioni religiose che si rifiutano di adeguare la propria ideologia e pratica alle richieste del Governo cinese. ...............

Human Rights Watch ha esortato inoltre molte multinazionali ad evitare la complicità con gli abusi dei diritti umani evitando il licenziamento dei lavoratori accusati dai quadri locali di appartenenza al Falun Gong. Ha invitato inoltre la Comunità internazionale a dichiararsi contraria al documento dei diritti umani in Cina, compreso il trattamento dei praticanti del Falun Gong, attraverso una risoluzione presentata alla Riunione della Commissione UN sui diritti umani, iniziata il 16 Marzo 2002 a Ginevra.

Potete stampare e diffondere gli articoli ed i contenuti pubblicati su Clearharmony, ma per favore citate la fonte.